COMERIO (VA) - 24° Trofeo Arredamenti Papa - Classe 1.24 - 5a tappa Giro Provincia - Org. ASD G.S.C. Comerio Okredit Vetera - Isc. via Muro 100, 21025, tel. e fax 0332745000, e mail: pre_75@libero.it - Chi.Isc. 2.5.h.21.00 - Ritr. via Stazione 8, h.7.30 - Part. h.9.30 - Perc. Comerio-Gavirate-Cocquio-Trevisago-Gavirate-Schiranna-Buguggiate-Azzate-Galliate-Bodio-Cazzago-Biandronno-Bardello-Gavirate-Barasso-Comerio-Gavirate-Cocquio-Gavirate-Barasso-Comerio- Km.63- Cambio Ruota - DC: A.Bernasconi - Giuria: Mineve-OFeltrin-Laveso.

 

Marco Tizza della Polisportiva di Nova s’impone nel Giro della Provincia di Varese

Vincere a 16anni appena compiuti una competizione a tappe non è cosa da tutti, ma vincerla indossando la maglia del primato fin dalla prima tappa è cosa più ardua, se poi ci si aggiunge che si è andati in casa d’altri, in terra Varesina già non facile, vincendo per ben due volte su cinque tappe e piazzandosi nei primissimi per altre due su strade sconosciute a lui ma familiari per gli avversari, tutto ciò è davvero straordinario. Marco Tizza aveva però quattro assi nella manica che nessun’altro aveva, i suoi compagni di squadra: Marco Padovan, Lorenzo Marafante, Crhistian Scenini e Michael Lodi tutti determinati a portare a casa la maglia del primato.

Questi cinque moschettieri hanno affrontato squadre blasonate come il GS Prealpino composta da nove atleti, il VC Comerio forte di ben undici corridori e per finire la società detentrice del primato dello scorso anno il Busto Garolfo forte con sette e poi tutte le altre che non nominiamo per brevità, ma non meno agguerrite e folte.

I cinque corridori della Polisportiva hanno dato spettacolo ed hanno dimostrato intelligenza, capacità, e determinazione. Altre squadre hanno preferito la vittoria di tappa piuttosto che sostenere il proprio leader nella classifica generale. Qualche inconveniente meccanico e fisico hanno impedito a Marco Padovan e Lorenzo Marafante di cogliere  affermazioni individuali, ma gli addetti ai lavori sanno che sono solo rinviate, un ottimo Crhistian Scenini sempre a chiudere sugli attacchi o a fare d’appoggio per le fughe dei compagni e per finire un Michael Lodi ancora convalescente che da il suo valido contributo fino alle salite.

Che dire di questa squadra: la prima tappa vinta da Marco Tizza uscito di potenza all’ultimo chilometro di salita recupera quattro atleti in fuga e li batte; la seconda tappa regolata in volata sempre da Marco Tizza; nella terza tappa il novene ha una curiosa noia meccanica per cui è costretto a fare tutta la gara con la corona da 52 denti con la salita di Viggiù ripetuta 5 volte, cosa che comunque non gli ha impedito di giungere terzo e così Lorenzo Marafante s’incarica di fare il forcing in salita, a portar via punti nel Gran Premio della Montagna secondo di tappa e quarto in generale di specialità.

 La quarta tappa ha visto un Marco Padovan all’attacco con altri due atleti per quasi due giri ma a pochi chilometri dall’arrivo i crampi gli precludevano il coronamento del risultato, ed era ancora Marco Tizza a piazzarsi quarto in volata; la quinta tappa decisiva poiché a punteggio doppio è stata vissuta sul marcamento stretto tra Marco Tizza e Federico Branduardi del GS Prealpino fino a quel momento secondo in classifica generale, poi le tre ascese a Comerio ed il cambio di strategia del GS Prealpino stravolgevano la gara dando via libera a Kabir Lenzi che s’involava in un ultima galoppata solitaria, decimati i partecipanti (solo in 32 l’avrebbero conclusa); Lorenzo Marafante era tolto di mezzo all’ultimo giro sempre per un curioso guasto meccanico e così Marco Padovan s’improvvisava scalatore (alla fine con un ottimo ottavo posto), mentre il leader della classifica veniva letteralmente scaraventato contro il muro agli ultimi 300 metri da un’atleta scorretto.

Alla fine il sedicenne novene porta a casa il bottino finale su Kabir Lenzi che grazie ai punteggi doppi assegnati nell’ultima tappa, sopravanzava il compagno Branduardi il quale avrebbe potuto aggiudicarsi la vittoria finale ottenendo anche solo il terzo posto vista l’impossibilità di Tizza a prendere parte alla volata finale.

Un successo corale quindi che premia gli sforzi dei dirigenti ma soprattutto dei corridori che hanno dimostrato grande maturità e spirito di squadra.

 

Classifica generale finale 40° Giro della Provincia - Gran Premio Plastiche Cassano 

1) Marco Tizza (Pol. Di Nova ) punti 68,

2)Kabir Lenzi (Prealpino) 63,

3)Federico Branduardi (Prealpino) 56

.4)Lorenzo Marelli (Team Cappelletti ) 46,

5)Andrea Sogne (Prealpino) 39,

6)Roberto Dal Maso (GP Racer) 30,

7)Richy Smit (Restore Cycling) 26,

8)Claudio Pan (Busto Garolfo) 24 ,

9)Elia Avantaggiato (Busto Garolfo) 23,

10)Ivan Moschen (Comerio Vetera Car) 22.


Classifica generale finale Allievi primo anno – Gran Premio Termosanitari Brunella:

1) Lorenzo Marelli (Team Cappelletti) punti 46,

2)Alex Bertelli (Busto Garolfo) 17,

3)Antonino Analfino (Sportimage) 13,

4)Simone De Rosa (Alzate Brianza) 10,

5)Matteo Pozzoli (Cassina De Bracchi) 8,

6)Simone Tadiello (Busto Garolfo) 5,

7)Simone Moriondo (Cassina De Bracchi) 5.


Classifica generale finale Gran Premio della Montagna  - Gran Premio Solo Bici:

1)Federico Branduardi (Prealpino) punti 38,

2)Massimo Schiavolin (Team Cappelletti) 27,

3)Kabir Lenzi (Prealpino) 13,

4)Richy Smit (Restore Cycling) 8,

5) Fabio Alfonso Todaro (Marcoli) 8.


Classifica società Trofeo  Umberto Fiori:

1)Gruppo Sportivo Prealpino punti 158,

2)Polisportiva Di Nova 82,

3)S.C. Busto Garolfo 69,

4)Team Cappelletti 46,

5)Pedale Senaghese 39.  

Moreno Peluso