Brignano Gera D’Adda, 5 aprile 2006.

36° Settimana Lombarda “By Bergamasca” – 1° Tappa Brignano Gera D’Adda – Brignano Gera D’Adda di Km. 156,400

 

Prima tappa della 36ema edizione della Settimana Lombarda “By Bergamasca”, flagellata dal maltempo ed una temperatura fredda da autunno inoltrato con un’escursione termica rispetto alla giornata della punzonatura, di parecchi gradi.

144 i corridori che si presentano ai nastri di partenza della prima tappa, nessuno può fare sfoggio delle belle divise multicolori, oggi coperte da mantelline e giubbotti.

La piazza del Municipio di Brignano, oltre alla Carovana della Settimana Lombarda “By Bergamasca”, organizzata dal GS Domus del neo Presidente, Stefano Civittini, trentino di nascita ma bergamasco di adozione, ospita anche circa trecento bambini delle Scuole cittadine che prendono letteralmente d’assalto Gianni Motta, il grande campione di quarantanni fa, per ottenere un suo autografo.

Ed è felice anche il Sindaco nel constatare tanto entusiasmo da parte dei suoi giovani concittadini, tutti con  in testa un bel berrettino omaggiato dal GS Domus ed in mano una bandierina col nostro Tricolore.

E alle 11 precise, Giuseppe Ferri, Sindaco di Brignano, abbassa la bandierina a scacchi e la 36° Settimana Lombarda By Bergamasca, è partita!

Tutti in gruppo sotto lo striscione del TV del 36emo chilometro con la ruota del danese Rune Udby, (Glud & Marstrand Horsens) che si aggiudica la moneta poi, al 54emo chilometro, un plotone di 24 corridori accende le micce e, tra questi, Simone Masciarelli, (Acqua & Sapone-Caffè Mokambo), De Nobile Ivan, (Universal Caffè), Marco Osella, (Androni Giocattoli-3C Casalinghi), Devis Miorin, (Team Endeka), Adriano Angeloni, (Flaminia), Graziano Gasparre, (Amore & Vita-Mc Donalds), che danno vita ad una fuga a lunga gittata che però verrà annullata dalla violenta reazione del gruppo dopo circa 110 chilometri.

In questa circostanza, con una perfetta scelta di tempo, evadono in cinque : Kochynski, (Ceramica Flaminia), Simon Spilak, lo sloveno vincitore di 2 GP di Solbiate Arno per Juniores, della Adria Mobil; Reus, olandese della Rabobank, Shillinger e Graziano Gasparre che, quando ha visto scemare il tentativo, ha tentato, invano l’azione solitaria ma la pronta reazione del gruppo ha chiuso il buco. Volata quasi generale con l’olandese Tom Stamsnijder (Rabobank),  il più lesto del terzetto che è riuscito a precedere di un pugno di secondi il gruppo degli inseguitori, applaudito dal Sindaco Giuseppe Ferri che esclama soddisfatto : “Corsa bagnata, corsa fortunata….” (Chissà cosa ne pensano i corridori….!) Ordine d’arrivo :

1)Tom Stamsnjder (Olanda-Rabobank); km.156,400 in 3h25’14” kmh. 45,723;

2)Stefan Cohnen (Olanda-Naturino Sapore di Mare) a 2”

3)Drasutis Stundzia, (Lituania-Amore & Vita-Mc Donalds) a 2”

4)Robert Wagner, (Germania-Milram) a 10”

5)Gabriele Balducci, (Acuqa & Sapone-Caffè Mokambo), a 10”

6)Emanuele Rizza, (Naturino Sapore di Mare), a 10”

7)Eugeny Popov (Russia-Rabobank), a 10”

8)Domenico Loria, (CB Immobiliare-Universal Caffè), a 10”;

9)Ivan Fanelli, (Amore & Vita-Mc Donalds), a 10”

10)Simon Spilak (Slovenja-Adria Mobil), a 10”.

                            Vito Bernardi

 

Brusaporto 6 Aprile 2006.

 

36° Settimana Lombarda “By Bergamasca” – 2° tappa Brusaporto-Brusaporto, di km. 161,400 – Organizzazione GS Domus

 

Anche la seconda tappa della 36ema edizione della Lombarda By Bergamasca, è bagnata da una pioggia piuttosto gelida, anche se un poco meno di quella di ieri, giornata della prima tappa, una giornata quasi da…lupi!

Escursione termica dunque in senso inverso a quella di ieri e che ci riavvicina alle temperature stagionali.

Oggi però Gabriele Balducci non ha fatto caso alle intemperie, troppa la sua felicità per essere tornato sul gradino più alto del podio, dopo tre anni, da quando cio’è, nel febbraio del 2003, vinse la tappa di Savona del Giro di Liguria vestendo la livrea della Vini Caldirola.

Poi un passaggio alla Saeco e, infine, l’approdo all’Acqua & Sapone-Caffè Mokambo ed oggi eccolo qui, raggiante vincitore della seconda tappa, dopo uno sprint spettacolare davanti al gruppo compatto.

E sono 138 i corridori che firmano il foglio di partenza a Brusaporto, anche oggi, “imbacuccati” in giubbini, cappellini e, molti, anche con le mani fasciate da guanti di lana, per prendere il via, alle 11 precise.

Si va tutti assieme e allegramente e, al classico TV del km. 36, grande bagarre per accaparrarsi la relativa moneta che spetta al tedesco Daniel Strauch (Continental Team Milram), davanti al danese Rune Udby (Glud & Marstrand Horsens).

Sullo slancio dello sprint, si involano Kuchynski e Marcinski (Ceramica Flaminia), Antonio Quadranti, (Naturino Sapore di Mare), Jakub Lorek, (Amore & Vita-Ms Donald’s), Davide Silvestri (Team Endeka) e Maurizio Bellin, (Androni Giocatoli-3C Casalinghi), e pedalano in testa alla corsa con un vantaggio sempre intorno ai 30” prima di essere richiamati nella pancia del gruppo, dopo 11 chilometri di fuga, quando si transitava intorno al 48emo chilometro.

Intanto la pioggia non è più insistente, cade a sprazzi ma, invece i corridori sono sempre insistenti e, un loro tentativo va temporaneamente in porto : Blazej Janiacyk, (Polonia-Androni Giocattoli-3C Casalinghi), Jakub Lorek, (Polonia-Amore & Vita-Mc Donald’s), Andrèe Steensen, (Danimarca-Glud & Marstrand Horsens) e David Tatnik, (Slovenja-Team Radenska). Dal km. 66, questo quartetto comanderà la corsa e conquistando anche un vantaggio massimo sul gruppo cronometrato a 3’42”; nel frattempo vincono l’intergiro, (km.91,500), con Janiacyk e il TV sorpresa, stabilito al km. 114 ed iniziano l’ultimo giro con circa 50” di credito sul gruppo, prima di essere raggiunti a meno di 10 kilometri dalla meta.

Ricompattatosi a meno di 10 km. dall’arrivo, il gruppo fa buona guardia per non consentire ad alcuno di lasciare il gruppo. Ma Graziano Gasparre, non ottempera al “Diktat” del gruppo e tenta l’azione solitaria che gli riesce per circa 4 kilometri prima di essere raggiunto e, da qui è solo storia del treno

rosso dell’Acqua e Sapone – Caffè Mokambo.

Infine, cerimonia protocollare per le premiazioni dei corridori alla quale hanno partecipato Gianni Motta, il Sindaco di Brusaporto, Claudio Rossi, l’Assessore allo Sport dello stesso Comune, Claudio Rossi  e il Presidente del GS Domus, Stefano Civittini, attorniati da Miss Cinema 2005, Vera Santagata, (Miss Cinema 2005; Miss Milano e Testimonial Cotonella.

 

Questo l’ordine d’arrivo per le prime cinque posizioni :

 

1)Gabriele Balducci (Acqua & Sapone-Caffè Mokambo), km.161,4 in 3h46’35”

2)Zoran Klemencic (Slovenjia-Adria Mobil);

3)Eugeny Popov (Russia-Rabobank);

4)Giuseppe Palumbo, (Acuqa & Sapone-Caffè Mokambo);

5)Ivan Fanelli, (Amore & Vita-Mc Donalds).

 

Questa la classifica generale dopo la seconda tappa

 

1)Tom Stamsnijder, (Ol-Rabobank), km. 317,8 in 7h11’49”, media kmh. 44,157;

2)Stefan Cohnen (Olanda-Naturino Sapore di Mare), a 2”;

3 Drasutis Stundzia (Lituania-Amore & Vita-Mc Donalds), a 2”;

4)Gabriele Balducci, (Acqua & Sapone-Caffè Mokamko);

5)Eugeny Popov (Russia-Rabobank).

                            Vito Bernardi

L'arrivo

 Gabriele Balducci sul podio

Il podio allargato

                                                                                                Vertova, 7 aprile 2006.

36° Settimana  Lombarda “By Bergamasca” – 3° Tappa Vertova-Vertova di km. 144

 

Arrivo frazionato per questa terza tappa della Lombarda “By Bergamasca” che, finalmente, incontra una bella giornata dopo il freddo e la pioggia delle prime due tappe.

E vince un giovane olandese della corazzata Rabobank, Robert Gesink, diciannove anni, autore di una rasoiata a 3 chilometri dal traguardo quando è riuscito a staccare i suoi due compagni di fuga, Devis Miorin (un bel ritorno! Bravo Devis) e Eddy Ratti (Naturino Sapore di Mare), con i quali si era avvantaggiato quando mancavano circa 10 km. alla conclusione della tappa.

Dunque classica doppietta per lo “spilungone” olandese che indossa anche la maglia giallorossa di capoclassifica, sponsorizzata dall’Azienda bergamasca “C.R.S. Impianti” e rilancia con quella bianca di leader della speciale classifica riservata ai “giovani”, e sponsorizzata dal giornale “L’Eco di Bergamo”, nonché quella rossa degli stranieri sponsorizzata dall’Azienda “Stabili Porte e Finestre”.

Una bella impresa insomma per Robert Gesink, già vincitore nella scorsa stagione, quella di esordio nel mondo professionistico di seconda fascia, che lo vide tre volte sul podio più alto. Gesink, risiede a Varseveld in Olanda, nei pressi del confine con la Germania.

 

 

Ordine d’arrivo della terza tappa, Vertova/Vertova, di km. 144 :

1)Robert Gesink (Olanda-Rabobank), km.144 in 3h39’54”, media kmh.39,290;

2)Eddy Ratti, (Naturino Sapore di Mare), a 11”;

3)Devis Miorin, (Team Endeka), s.t.;

4)Blazej Janiaczyk, (Polonia-Androni Giocattoli-3C Casalinghi), a 30”;

5)Aliaksandr Kuchynski (Bielorussia-Ceramica Flaminia), a 35”

 

Classifica Generale dopo la 3° Tappa :

1)Robert Gesink, (Olanda-Rabobank);

2)Devis Miorin, (Team Endeka), a 11”;

3)Tom Stamsnijder (Olanda Rabobank), a 20”;

4)Stefan Cohnen (Olanda-Naturino Sapore di Mare), a 22”;

5)Drasutis Stundzia (Lituania-Amore & Vita-Mc Donald’s), a 22”.

 

                                                Vito Bernardi