Nerviano 31 marzo 2006.

Presentazione “60° COPPA CADUTI NERVIANESI” – Gara ciclistica riservata alla categoria “Elite-Under 23” – Organizzata dalla US Nervianese 1919 – km. 150, partenza ore 11,30 da Nerviano il 25 Aprile 2006.

 

Festa grande per la presentazione della tradizionale Coppa Caduti Nervianesi ma che quest’anno, è un po’ “più speciale del solito” perché compie  “S E S S A N T A N N I!!!”, un compleanno se non epocale, certamente importante per una persona ma, altrettanto importante e “P R E S T I G I O S O!!!”, per la gara, gli Organizzatori e tutta la città di Nerviano che ha messo a disposizione la Sala Consiglio dell’ex Monastero degli Olivetani, oggi Residenza Municipale, per la presentazione della gara.

Regista della manifestazione e speaker ufficiale della serata, Angelo Gaudenzi, il “Pittore delle immagini in movimento” di tantissime gare del panorama ciclistico Nazionale, anche lui in sella da tantissimi anni, che ha presentato gli illustri Ospiti presenti a cominciare dall’Amministrazione Comunale rappresentata dal Comandante della Polizia Locale, Giammario Zinno, il Presidente della Federciclismo lombarda, Oreste Casati, il vicepresidente della Federciclismo provinciale di Milano, Livio Mereghetti, il rappresentante della Federciclismo Legnano-Altomilanese, Guido Banfi, il Consigliere della Federciclismo regionale, Flavio Mocchetti, il Consigliere della Nervianese, Luciano Fontana e, da ultimo ma primo per importanza ed impegno nel portare avanti tutto il discorso ciclismo nell’ambito cittadino, il presidente del sodalizio bianconero, Angelo Lazzaroni.

Non dimentichiamo anche il professionista della LPR, Daniele De Paoli e Rossella Galbiati, 11 titoli Nazionali in carriera ora al servizio del ciclismo come esponente della FCI negli incontri con le Scuole milanesi e l’avv. Benito Fornaro, figura storica del ciclismo lombardo, oggi presidente della Commissione disciplinare della Federciclismo lombarda.

E’ stata una serata un po’ “più speciale del solito”, sessantanni, tanti sacrifici che, purtroppo, aumentano sempre di più, qualche delusione, ma anche tantissime soddisfazioni e, tutti questi sentimenti sono stati condivisi anche con alcuni vincitori delle passate edizioni di questa prestigiosa gara del calendario agonistico regionale : Luigi Fusetti, 1958 in maglia GS Cademartori; 1959, Baiardo, Maspes-Termozeta; 1960, Ottavio Cogliati, GS Cademartori e, un paio di mesi dopo, CAMPIONE OLIMPICO ALLE OLIMPIADI DI ROMA 1969 (100km. a squadre); Brembilla, 1962 SC Cogliati; 1970, Testoni, Libero Ferrario; 1976, Fossati SC Barbaiana e 1983, Colombo della Canturino-Colnago, tutti presenti e, quasi tutti….con una lagrima che rigava il loro volto ancora forte, giovanile ed espressivo di una forza di volontà “carata” da tante fatiche.

E un grazie sentito allo Sponsor numero 1 della Nervianese , la “T.T.N. di PIROVANO”, sempre vicino alle sorti della ciclistica cittadina.

Gaudenzi, prima di passare a presentare il Direttore di Corsa, il mitico Edoardo “Dino” Fontana, e leggere l’invito che l’US Nervianese rivolge ai giovani concittadini affinchè si avvicinino alla pratica del ciclismo, ha invitato i presenti a farsi ambasciatori presso i “non addetti ai lavori”, di tutta quella normativa prevista dal Codice della Strada e che detta precise norme a favore della pratica agonistica del ciclismo su strada e che noi sintetizziamo nell’attenzione da porre quando, sulle strade interessate da una gara ciclistica ci si imbatte in una staffetta motociclistica immediatamente seguita da un automezzo con la scritta “Inizio Corsa”, bene significa che è in transito una gara ciclistica.

Pertanto da questo momento fino al passaggio di un altro automezzo, questa volta con la scritta “Fine Corsa”, vigono delle particolari norme che tutelano la marcia dei ciclisti e che tutti gli altri utenti della strada debbono assolutamente rispettare : Fermare immediatamente la marcia degli autoveicoli e posizionarsi o fuori bordo strada o ai limiti del bordo strada, rispettare gli “inviti” del personale della Protezione Civile o, altri “volontari” presenti in loco. Sono poche ma importantissime norme che tutelano la vita di tanti appassionati del ciclismo!

La festa è finita, siamo già nel clima della Coppa Caduti Nervianesi, che avrà un prologo domenica 23 aprile con la disputa del 22° Trofeo Boiocchi Ruggero a.m., riservato alla categoria dei “Giovanissimi”.

                            Vito Bernardi